Codicedeicontrattipubblici.it, A cura di Avv. Ornella Cutajar e  Avv. Alessandro Massari
Cerca nel Sito

Dlgs 18/4/2016,n.50   Dlgs 12/4/2006,n.163

Archivio News

TAR Lombardia Milano sez. IV 9/1/2017

Appalti pubblici - Verifica della congruità di un'offerta potenzialmente anomala - Natura globale e sintetica - Utile apparentemente modesto - Può comportare un vantaggio importante (Articolo 97 comma 1 (Dlgs 50/2016) e articolo 87, comma 1 (Dlgs 163/2006))

Consiglio di Stato sez. V 27/12/2016

Appalti pubblici - Legittimità della clausola della legge di gara che impone ai concorrenti di dimostrare, già ai fini della partecipazione e a pena di esclusione, la dimostrazione del possesso delle attrezzature necessarie per lo specifico ciclo produttivo - Avvalimento - Requisito della domanda di partecipazione - Non può essere invece inteso come una sorta di (mera) garanzia da attualizzarsi solo al momento delle prestazioni affidate all'esito della procedura di gara (Art. 89, comma 1 (Dlgs 50/2016) e art. 49, comma 1 (Dlgs 163/2006))

Deliberazione A.N.AC. 23/11/2016 n. 1203

Appalti pubblici - Varianti contrattuali - Art. 132, c.1, lett. b) del d.lgs. 163/2006 - Presupposti - Invarianza costi - Finalità - Consentire utilizzo di innovazioni tecnologiche intervenute dopo la stipula del contratto (Art. 132, c.1, lett. b) (Dlgs 163/2006) e art. 106, c.1, lett. c) (Dlgs 50/2016))

TAR Campania Napoli sez. IV 20/12/2016

Appalti pubblici - Rito superaccelerato e tutela cautelare ante causam - Deve essere garantita, anche nei casi di astratta ammissibilità del rito superaccelerato - Ciò vale a maggior ragione nel caso di impugnazione delle ammissioni, che rappresentano la vera novità nonché criticità di applicazione del nuovo regime processuale, posto che per le esclusioni la necessità di una tutela cautelare immediata esiste da sempre (Articolo 204, comma 1 (Dlgs 50/2016))

Corte costituzionale 14/12/2016

Appalti pubblici - Legislazione regionale - L.r. siciliana n.12/2011 - Disciplina offerte anomale - Criteri di calcolo della soglia di anomalia - Obbligo di giustificativi dell'offerta - Modalità di verifica di congruità delle offerte mediante rinvio a decreto assessoriale - Contrasto con la disciplina statale in materia di tutela della concorrenza - Illegittimità costituzionale art. 19, commi 6-bis, 6-ter e 6-quater l.r. siciliana 12 luglio 2011 n. 12 (Art. 4, c.5 (Dlgs 163/2006) e art. 2, c.3 (Dlgs 50/2016))

TAR Lazio Roma sez. III ter 13/12/2016

Appalti pubblici - Affidamento di servizio ad alta intensità di manodopera ai sensi dell'articolo 50 del d.lgs. n. 50 del 2016- Divieto di utilizzo del criterio del minor prezzo- Articolo 95, comma 3 dlgs. 50 del 2016- Individua alcune categorie di "contratti" aggiudicabili esclusivamente sulla base del criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa - Portata autonoma e inderogabile del comma seguendo un'interpretazione costituzionalmente orientata (Articolo 95 comma 3 (Dlgs 50/2016))

TAR Toscana sez. III 12/12/2016

Appalti pubblici - Principio della suddivisione in lotti - Art. 51 del d.lgs n. 50 del 2016 - Può essere derogato, seppur attraverso una decisione che deve essere adeguatamente motivata - Considerando n. 78 della direttiva 2014/24/UE - Individua le possibili ragioni giustificative di una tale scelta- Interessi che possono essere valorizzati dalle stazioni appaltanti per non procedere alla suddivisione in lotti - Va compreso quello dei costi cui la suddivisone in lotti può condurre (Art. 51, comma 1 (NC) e art. 2, comma 1 bis (VC))

Consiglio di Stato sez. III 5/12/2016

Appalti pubblici - Legittimazione a ricorrere - Ipotesi che legittimano all'impugnazione della disciplina di gara indipendentemente dalla partecipazione alle gara - Individuazione (Art. 71, comma 1 (Dlgs 50/2016) e art. 64, comma 4 (Dlgs 163/2016))

TAR Sicilia Catania sez. I 22/11/2016

Appalti pubblici - Accesso difensivo - Condizioni - Titolarità di una posizione giuridicamente rilevante (Art. 13, comma 6 (Dlgs 163/2006) e art. 53, comma 6 (Dlgs 50/2016))

Consiglio di Stato sez. V 23/11/2016

Appalti pubblici - Principio di immodificabilità soggettiva dell'affidatario - Non costituisce il portato precettivo di un divieto assoluto - Finalità perseguite - Controversie riferite all'estromissione da a.t.i. - Sono devolute alla giurisdizione del giudice ordinario (Art. 106, c.1, lett. d) (Dlgs 50/2016) e art. 37, c. 9, 18 e 19 (Dlgs 163/2006))

TAR Lazio Roma sez. II quater 21/11/2016

Appalti pubblici - Difformità essenziali nell'offerta tecnica -Legittimano l'esclusione dell'impresa dalla gara - Obbligo di rispetto delle caratteristiche tecniche minime previste nel progetto o nel capitolato posto a base della selezione (Art. 83, comma 9 (Dlgs 50/2016) e art. 46 comma 1-bis (Dlgs 163/2006))

TAR Lazio Roma sez. III quater 16/11/2016

Appalti pubblici - Ditta aggiudicataria che fornisce le proprie giustificazione oltre il termine a tal fine stabilito - Ammissibile perché il termine ha natura meramente sollecitatoria e mai perentoria (Art. 88, comma 2 (Dlgs 163/2006) e 97, comma 5 (Dlgs 50/2016))

TAR Lombardia Brescia sez. I 12/11/2016

Appalti pubblici - Principio di equivalenza - Permea l'intera disciplina dell'evidenza pubblica - Valutazione prodotti con specifiche tecniche analoghe a quelle richieste - Corrisponde al favor partecipationis - Fattispecie (Art. 68, c.7 (Dlgs 163/2006) e art. 68, c. 7 (Dlgs 50/2016))

TAR Lazio Roma sez. III quater 9/11/2016

Appalti pubblici -Sottoscrizione dell'offerta- Si configura come lo strumento mediante il quale l'autore fa propria la dichiarazione contenuta nel documento - Assolve la funzione di assicurare provenienza, serietà, affidabilità e insostituibilità dell'offerta - Va escluso il concorrente che abbia omesso la sottoscrizione dell'offerta tecnica - Mancata esplicita previsione di tale carenza tra le cause di esclusione - E' irrilevante (Art. 83, comma 9 (Dlgs 50/2016) e art. 46 comma 1-bis (Dlgs 163/2006))

TAR Emilia Romagna Bologna sez. II 8/11/2016

Appalti pubblici- Accesso delle piccole e medie imprese- Obbligo di suddivisione in lotti funzionali - Criteri di partecipazione - Devono essere tali da non escludere le piccole e medie imprese (Art. 2, comma 1-bis (Dlgs 163/2006) e art. 30, comma 7 (Dlgs 50/2016))